LA RASSEGNA DI FILM A TEMATICA GAY-LESBICA E' SOSPESA PER PAUSA INVERNALE. RIPRENDERÀ IN PRIMAVERA I GIOVEDÌ ALL'ACROBAX. RINGRAZIAMO TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO.
Per avere notizie in tempo reale sulla sua ripresa, scrivi una email a buzz.intercultura@autistici.org con oggetto "mailing list"

ALEXIS QUEER VISION - 12 GIUGNO 2016

A Roma il 12 Giugno dalle 16,30 alle 24 potremo assistere a una maratona di film e corti a tematica gay-lesbico-trans inediti in Italia. La rassegna avrà luogo all'Alexis Occupato, in via Ostiense 124 con pausa alle 20,30 per la cena preparata dai compagni e dalle compagne dell'Alexis. Secondo le statistiche dell'ILGA, l'Italia è il più omofobo paese dell'Unione Europea e uno tra i paesi più omofobi d'Europa. Questa omofobia diffusa, oltre a perpetuarsi nella vita quotidiana e nella politica, si diffonde anche sui media che, asserviti a questo status, mostrano una immagine distorta e decadente della popolazione LGBTQI. Per compensare questa mancanza, le proiezioni che abbiamo scelto per questo evento sono tutte mostranti personaggi gay-lesbico-trans positivi, con storie romantiche, felici, anche complicate ma in ogni caso non distruttive; questo ai fini di mostrare una grossa parte dell'immagine LGBTQI che qui viene censurata. Inoltre per quest'anno avremo come gradito ospite il regista Andrea Lohengrin Meroni che ci presenterà il documentario in corso d'opera: "Ne avete di finocchi in casa?", sulle macchiette gay nel cinema italiano e di cui proietteremo alcune parti.
----------------------------------------------------------------------------- 
  ECCO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA:
-----------------------------------------------------------------------------  
- Ore 16,30: Selezione di video musicali dal mondo a tematica gay-lesbico-transgender

La maggioranza di questi video musicali sono inediti in Italia perché destinati a un pubblico adolescente e per questa assurda ragione ne è stato impedito l'arrivo nel nostro paese.
-----------------------------------------------------------------------------  
  - Ore 17,00: "Super queens":

"Super queens" é una raccolta di cortometraggi e mediometraggi esilaranti, comici, satirici, irriverenti. Sono tutti totalmente inediti e vengono direttamente dagli USA, Canada, Francia, Brasile e si accentrano su quel che é davvero il cinema queer e la cultura queer. "Sette cortometraggi assolutamente folli e divertenti, un mondo al di la della realtá, pieno di drag queen, umorismo, paiette. A volte pazzi, gioiosi e meravigliosi come raramente si possano vedere" (Illico, 14 gennaio 2005). "Vi faranno passare grandi momenti a volte allucinati" (E-Male, 23 Dicembre 2004). "Film appositamente trash, con personaggi come Dragzilla e Superfrocio, parodie di eroi gay da 4 soldi" (TETU, febbraio 2005). "Prendete la vostra dose di umorismo trash, che vi fará impazzire" (CINE LIVE, febbraio 2005). Ecco i cortometraggi nel dettaglio:  

1. "Copacabana Building" (Brasile, 2002, 5 min.): In un moderno palazzo composto da tanti monolocali, un mesto impiegato trova una vicina di casa molto particolare...
2. "The elevator" [L'ascensore] (Canada, 2003, 16 min.): Le famossissime B-Girls sono candidate al "Gold Bites", ma rimangono bloccate in un ascensore.... "Una commedia fresca, una bella storia con bravissimi attori e regia ed un meraviglioso senso dell'umorismo" (Metro weekly, Washington DC's Gay Magazine).
3. "Dragzilla" (USA, 2003, 17 min.): Una gigantesca drag queen terrorizza New York... Premio miglior film al "Arlene Grocery Film fest 2003.
4. "Superfag" [Superfrocio] (USA, 2002, 25 min.): Superfag (Superfrocio) e Disco Diva la sua super drag-queen madre, lottano contro il professore Testa-di-minchia che vorrebbe distruggere il desiderio omosessuale, e il ragazzo del nostro eroe é in pericolo... "Audience Arward" al Gay and Lesbian Festival di Palm Spings 2002.
5. "Mes parents" [I miei genitori] (Francia 2004, 50 secondi): Parodia della "classica famiglia eterosessuale fondata sul matrimonio".

6. "Pestañas asesinas" (Spagna 2008, 7 minuti): Uno strano microorganismo marziano ha invaso tutti i cosmetici del mondo: Tre drag queen lottano per salvare il pianeta terra da una orda di zombi truccati, divini, vittime del glamour. É in formato falso trailer ed é fuori dalla raccolta.
6. "Dead boys club" (Francia 2004, 31 secondi): In formato falso trailer, potremmo vedere un film porno gay molto particolare... "E il sangue scorrerá sulle mutande firmate Calvin Klein" Super queens:
Super queen menu:
Trailer dell'intera raccolta Super Queens:
  
-----------------------------------------------------------------------------
- Ore 18,45: Presentazione del documentario "Ne avete finocchi in casa?"

"Ne avete di finocchi in casa?" è uno studio delle caratterizzazioni di gay e lesbiche nel cinema italiano dal 1970 al 1983; miriadi di buffi invertiti o di femmes lussuriose hanno popolato il cinema nostrano, ma - al di là di una notevole varietà esteriore - hanno comunicato al pubblico (quasi) sempre le stesse idee circa l'omosessualità, influenzando tanto gli eterosessuali con una visione "comoda" di gay e lesbiche quanto gli spettatori LGBT, i quali difficilmente potevano identificarsi nei loro corrispettivi filmici. "Ne avete di finocchi in casa?" analizza la fisionomia di questi personaggi e l'impatto che hanno avuto sul pubblico. Più informazioni QUI. Sarà presente il regista Andrea Lohengrin Meroni.

-----------------------------------------------------------------------------
- Ore 19: Film "La lingua perduta delle gru"

regista: Nigel Finch - GENERE: Drammatico - ANNO: 1992  NAZIONE: UK  DURATA (min.): 90  LINGUA ORIGINALE: Inglese  SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura)

FLASH: Visto il grande successo dell'omonimo libro di David Leavitt, la BBC decise di farne un film TV che venne doppiato in tutto il mondo (Italia esclusa), ed è uno dei rari casi in cui il travaso da libro a film ha dato un risultato eccellente. Un uomo, sposato per più di venti anni, trova sempre più difficile nascondere il suo vero orientamento sessuale, ma quando sta per rivelare il suo segreto, suo figlio annuncia ai genitori di essere gay...  

TRAMA COMPLETA: Un uomo di mezza età che è stato sposato per più di venti anni, trova sempre più difficile nascondere il suo vero orientamento sessuale a sua moglie e al figlio cresciuto. Quando sta per rivelare il suo segreto, suo figlio annuncia ai genitori di essere gay! La moglie in questa occasione si rivela come una volgare megera, cosa che rende ancora più difficile il coming out del marito. A dispetto di come sembri a raccontarlo, il film è invece straordinario, penetrante e avvincente e tutti gli interpreti sono superbi. John Schlesinger e Rene Auberjonis fanno due meravigliosi cammei come una vecchia coppia gay (qualcosa che non abbiamo mai visto). Molto bello il libro di David Leavitt , magnifico il film del 1992 della BBC. E' uno dei rari casi in cui il travaso da libro a film ha dato un risultato eccellente , aiutato dagli attori in stato di grazia e da una regia (Nigel Finch) particolarmente efficace. Il regista è lo stesso di Stonewall (sempre del 1992) ma qui mi sembra più acuto e introspettivo, scontando ovviamente la diversità dei temi trattati. Il coming-out del figlio e del padre gay sono descritti in modo superbo , sopratutto quello del padre (da sempre abituato ad avventure sessuali nei cinema porno) così contorto e sofferto. La madre che reagisce così duramente a tutte queste rivelazioni è una superba Eileen Atkins , esempio vivente dell'eccellenza (direi primato) della recitazione britannica. (cinemagay.it) La lingua perduta delle gru:
Trailer:
-----------------------------------------------------------------------------
- Ore 20,30: Cena

Durante la pausa verrà proiettato il film-documentario "Tea Room": Nel 1962, la polizía di Mansfield (Ohio) nasconde una telecamera nel bagno pubblico della piazza principale della città e, tramite i filmati che ne ricava, incrimina 30 uomini adulti che hanno avuto sesso consensiente in questi bagni. William E. Jones ha recuperato questi filmati originali e li ha presentati in vari festival.
-----------------------------------------------------------------------------
- Ore 21,30: Proiezione di cortometraggi:
 
1. Cortometraggio: "Salam & Love" (USA 2008, 2 min.): Una storia d'amore impossibile e nascosta tra due donne in Afganistan.
2. Spot TV: "Banco Provincia TP" (Argentina 2007 - 1'14''): Pubblicità di una banca con una donna transgender.
3. Cortometraggio: "Johanna and Anna" (UK 1985): Corto pioniero che ritrae una coppia lesbica reale nella loro intimità a Brighton (Regno Unito).
4. Cortometraggio: "Amor crudo" [Amore grezzo] (Argentina 2008, 15 min.): E' un ritratto degli anni della pubertà, che passa da un eccitamento frenetico a cofusi sentimenti d'amore. Due amici stanno sempre insieme, giocando di giorno e toccandosi di notte; ma sono gli ultimi giorni di scuola e, anche se loro non lo vorrebbero, qualcosa sta finendo ...
5. Spot Tv: "Pubblicitá della Addressändring" [Adressändring Reklamfilm] (Svezia 2012, 30 sec.): Pubblicitá di una agenzia di recapito postale che ci fa capire quante occasioni possiamo perdere perdendo la reperibilitá postale.
6. Cortometraggio: "Edwin" (Norvegia 2009, 7 min.): Siamo in un villaggio di pescatori nella profonda Norvegia; nelle tasche dei pantaloni del 12enne Edwin, il padre trova la foto di Edwin travestito da donna, quindi va a rimproverare e spaventare il figlio sulle conseguenze del suo gesto. Il figlio troverà ugualmente la sua strada grazie al potere dei sogni e del desiderio che questi si avverino. Corto selezionato nel Austin Gay & Lesbian International Film Festival.
7. Cortometraggio: "We will" [Lo vogliamo] (Australia 2016, 3 min.): Una coppia lesbica si dichiara il proprio amore reciproco volendo convolare a nozze.
8. Spot TV: "Effetto Cheerios: la storia di André, Jonathan e Raphaëlle" [The Cheerios Effect André, Jonathan Raphaëlle’s Story] (USA 2013, 2 min.): Pubblicità TV inpensabile in Italia che abborda il tema dell'adozione da parte di coppie dello stesso sesso in modo intelligente e delicato.
-----------------------------------------------------------------------------
- Ore 22,00: Film "Patrik 1.5"

regista: Ella Lemhagen - GENERE: Commedia - ANNO: 2008 - NAZIONE: Svezia - DURATA (min.): 100 - LINGUA ORIGINALE: Svedese - SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura)  

FLASH: Una coppia omosessuale svedese va a vivere in un piccolo paesino ed ha l'intenzione di adottare un bambino che pensano abbia 1,5 anni. la sorpresa é grande quando si ritrovano con un adolescente omofobo e problematico 15 enne ...  

TRAMA COMPLETA: Sven e Goran sono una felice coppia gay sposata che si é trasferita in una piccola città, in realtà un paese, con lo scopo di realizzare il loro sogno di adottare un bambino. Ma le cose non andranno esattamente come desiderate. Alcuni compaesani sono apertamente ostili, altri fanno di tutto per ignorarli. Ma la nostra coppia non si lascia intimorire ed è decisa a ontinuare sulla loro strada. Le difficoltà arrivano anche dall'agenzia di adozione internazionale che sembra non riuscire a trovare un bimbo. Finalmente, quando Sven e Goran stavano quasi per rassegnarsi, arriva la bella notizia che c'è Patrik, un bimbo di un anno e mezzo, tutto per loro. Quando però Patrick arriva davanti alla porta di casa viene fuori che c'è stato un errore di trascrizione: la sua età non è 1,5 ma 15 anni. In più i nuovi genitori scopriranno che il ragazzo è omofobo e che ha un passato da piccolo delinquente. Subito si viene a creare una spaccatura nella coppia. Goran, anche se riluttante, pensa che si possa ospitare Patrick fino a quando l'agenzia non avrà trovato un altro bimbo per loro e un'altra casa ospitante per Patrik. Sven, invece, non vuole adattarsi a questa situazione, che rifiuta in toto. Proveniente anch'esso da una giovinezza punk, conosce bene quello che Patrik potrebbe combinare. In più Sven ha una figlia avuto da un precedente matrimonio etero, con la quale non è mai riuscito a comunicare. Viene anche fuori che non ha mai creduto veramente nella possibilità di una vita felice per loro nell'ambiente della provincia. A questo punto anche i suoi dubbi sul loro matrimonio sembrano tornare a galla... La regista ci offre con questo film un intelligente, sensibile e divertente spaccato della vita gay contemporanea e in particolare ci dimostra come spesso le aspettative individuali possano arrivare ad imprigionarci in noi stessi e ad isolarci dagli altri. (cinemagay.it) Patrik 1,5:
Trailer:

SOSTIENICI:

Copia e incolla questo codice nel tuo blog o nel tuo sito, avvertici e noi faremo altrettanto.

BANNER PICCOLO:
buzz intercultura


BANNER MEDIO:
buzz intercultura


BANNER GRANDE:
buzz intercultura