LA RASSEGNA DI FILM A TEMATICA GAY-LESBICA E' SOSPESA PER PAUSA INVERNALE. RIPRENDERÀ IN PRIMAVERA I GIOVEDÌ ALL'ACROBAX. RINGRAZIAMO TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO.
Per avere notizie in tempo reale sulla sua ripresa, scrivi una email a buzz.intercultura@autistici.org con oggetto "mailing list"

Órói

regista: Baldvin Zophoníasson
GENERE: Drammatico
ANNO: 2011
NAZIONE: Islanda
DURATA (min.): 108
LINGUA ORIGINALE: Islandese
SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di caprenne@gmail.com) 

FLASH: In un programma di scambio studentesco, Gabriel va a Manchester, dove condivide una stanza con Marcus. Un improvviso e intenso bacio tra i due sconvolge Gabriel con sentimenti che non è ancora pronto ad affrontare. Con questo nuovo bagaglio di emozioni e paure, Gabriel ritorna in Islanda dove si rincontrerà con Marcus...

TRAMA COMPLETA: In un programma di scambio studentesco, Gabriel, un 16enne islandese, si trova a passare tre settimane a Manchester, dove condivide una stanza con Marcus, un ragazzo elegante ed enigmatico. Lo stile di vita libero ed edonistico di Marcus ha una forte influenza sullo studioso e serio Gabriel. Passano insieme diverse nottate fino a quando succede che un improvviso e intenso bacio tra i due sconvolge Gabriel con sentimenti che non è ancora pronto ad affrontare. Con questo nuovo bagaglio di emozioni e paure, Gabriel ritorna in Islanda. La storia con Marcus è finita ma continuano a scambiarsi messaggi. Gli amici e la famiglia di Gabriel notano in lui un certo cambiamento, ma Gabriel ha deciso di mantenere segreto quanto gli è accaduto. Intanto veniamo a conoscere i suoi amici e le loro vite. Il suo miglior amico sta avendo problemi con la sua ragazza che non vuole fare passi avanti nella relazione. Greta invece è stanca di vivere con la propria madre e decide di trasferirsi in un appartamento in affitto, mentre è sempre alla ricerca del proprio padre. Alla fine sembra averlo trovato. Stella è invece innamorata di Gabriel ma vive con una nonna oppressiva che non la lascia libera di fare le sue scelte. In mezzo a tutte queste storie Gabriel è alla ricerca della propria identità. Quando Gabriel e Marcus si reincontrano, ci sono ancora scintille tra i due, ma nessuno dei due riesce a fare dei passi in avanti. Gabriel rimane sconvolto quando vede l'incontro di Marcus con una ragazza terminare in una lotta. Intervengono gli amici di Gabriel e Marcus rivela loro che Gabriel è gay... Un film che ci mostra con molto realismo e senza nessun compiacimento le complesse vite di adolescenti islandesi e le difficoltà ad accettare la propria identità, sfiorando anche la tematica del suicidio. (cinemagay.it)

Prima del film proietteremo alcuni video e cortometraggi sottotitolati in italiano ed inediti in italia.

1. Cortometraggio "The Postcard - 엽서" (Corea del Sud 2007, 14 min): The postcard è una dolce storia di romanticismo adolescenziale tipicamente coreana. Racconta la storia di un ragazzo timido che non ha il coraggio di chiedere un appuntamento alla persona che da molto tempo lui ama. Continua invece a recarsi all’ufficio postale locale, per scrivere lettere d’amore, o piuttosto cartoline, all’oggetto della sua adorazione. Ma chi è l’oggetto del suo affetto? Le due impiegate postali che si contendono una contro l’altra la sua attenzione, sicure come sono che le missive poetiche sono pensate per una di loro? Oppure potrebbe essere il postino che consegna le sue cartoline/parole d’amore proprio alla sua porta? (caprenne@gmail.com)

2. Spot TV: "Effetto Cheerios: la storia di André, Jonathan e Raphaëlle" [The Cheerios Effect André, Jonathan Raphaëlle’s Story] (USA 2013, 2 min.): Pubblicità TV inpensabile in Italia che abborda il tema dell'adozione da parte di coppie dello stesso sesso in modo intelligente e delicato.

Órói:
Trailer: Alcuni fotogrammi del film:
The postcard:
Effetto Cheerios: la storia di André, Jonathan e Raphaëlle:

SOSTIENICI:

Copia e incolla questo codice nel tuo blog o nel tuo sito, avvertici e noi faremo altrettanto.

BANNER PICCOLO:
buzz intercultura


BANNER MEDIO:
buzz intercultura


BANNER GRANDE:
buzz intercultura