LA RASSEGNA DI FILM A TEMATICA GAY-LESBICA E' SOSPESA PER PAUSA INVERNALE. RIPRENDERÀ IN PRIMAVERA I GIOVEDÌ ALL'ACROBAX. RINGRAZIAMO TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO.
Per avere notizie in tempo reale sulla sua ripresa, scrivi una email a buzz.intercultura@autistici.org con oggetto "mailing list"

La partida

regista: Antonio Hens
GENERE: Drammatico
ANNO: 2013
NAZIONE: Cuba
DURATA (min.): 94
LINGUA ORIGINALE: Spagnolo
SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura) 

FLASH: Due ragazzi cercano di arrangiarsi come meglio possono nell'Avana contemporanea. Uno, sposato, usa la sua bellezza fisica per fare soldi come gigolò per ricchi turisti, l'altro, fidanzato, sopravvive tramite diversi lavoretti nel mercato nero. I due si conoscono sul campo da calcio dove giocano regolarmente, ma il vero incontro avviene dopo una notte passata in discoteca, quando davanti alla porta di casa si scambiano un bacio galeotto...

STORIA COMPLETA: Rey e Yovsani sono due giovani uomini che cercano di arrangiarsi come meglio possono nell'Avana contemporanea. Rey, che è sposato ed ha un figlio, usa la sua bellezza fisica per fare soldi come gigolò per ricchi turisti, con l'esplicita approvazione della suocera. Yovsani è fidanzato con la figlia di un commerciante poco pulito, ma assai generoso, che aiuta in diversi lavoretti nel mercato nero. Rey e Yovsani si conoscono sul campo da calcio dove giocano regolarmente, ma il vero incontro avviene dopo una notte passata in discoteca, quando davanti alla porta di casa si scambiano un bacio galeotto. Inizia subito una intensa storia di amore e passione. Yosvani, fino a quel momento inesperto, ha capito che quello che desidera veramente è di poter stare sempre con il suo amato Rey. Entrambi sanno che la loro unica speranza è quella di poter fuggire all'estero. Rey aveva sempre sognato d'incontrare un ricco turista europeo che lo portasse via, magari in Spagna dove avrebbe potuto sposarlo, oppure di essere ingaggiato in una squadra di calcio straniera. Vivere come gay a Cuba è impossibile, poi bisogna dire che sono entrambi abituati o costretti a fare affidamento sulle rispettive famiglie. Quando Rey viene preso in una importante squadra di calcio rischia di perdere anche questa opportunità a causa delle sue attività notturne. Rey si è ormai abituato ai soldi facili che ama spendere in abiti costosi e nella passione del gioco d'azzardo che però lo porta ad un grosso debito. Adesso pensano solo alla fuga ma hanno bisogno di una grossa somma di denaro con la quale poter andare dove vogliono e stare insieme... Il film potrebbe essere inserito nella lunga catena di storie d'amore gay maledette, ma il regista riesce a mantenersi ad un livello di costante credibilità, grazie anche all'intenso feeling che comunicano i due bravi protagonisti (con la necessaria dose di sesso esplicito), restituendoci una storia realistica, sincera e attualissima di personaggi che vivono ai margini di una Cuba piena di contraddizioni. (cinemagay.it)

Prima del film proietteremo alcuni video e cortometraggi sottotitolati in italiano ed inediti in italia.

1. Documentario: "Perra" (Cuba 2011, 13 min.): Un gruppo di ragazzi cubani ci spiega come e perchè ha cominciato con gli spettacoli di trasformismo trasformandoli in una vera e propria forma di arte a Cuba.

2. Telegiornale: "Conga cubana contro l'omofobia" [Conga cubana contra la homofobia] (Cuba 2014, 1 min.): La Conga è un ballo tradizionale caraibico e anche per quest'anno a Cuba le manifestazioni contro l'omofobia includono anche questo ballo, con l'appoggio del governo.

3. Documentario: "Gli escort e il turismo a Cuba" [Jineteros y el turismo en Cuba] (Cuba 2012, 2 min): Breve intervista a un ragazzo cubano che si dedica alla prostituzione e che ci spiega i motivi che lo hanno spinto e come svolge questa professione a Cuba.

La partida:
Trailer:
Perra:
Conga cubana contra la homofobia:
Jineteros a Cuba:

SOSTIENICI:

Copia e incolla questo codice nel tuo blog o nel tuo sito, avvertici e noi faremo altrettanto.

BANNER PICCOLO:
buzz intercultura


BANNER MEDIO:
buzz intercultura


BANNER GRANDE:
buzz intercultura