LA RASSEGNA DI FILM A TEMATICA GAY-LESBICA E' SOSPESA PER PAUSA INVERNALE. RIPRENDERÀ IN PRIMAVERA I GIOVEDÌ ALL'ACROBAX. RINGRAZIAMO TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO.
Per avere notizie in tempo reale sulla sua ripresa, scrivi una email a buzz.intercultura@autistici.org con oggetto "mailing list"

El mar

regista: Agustí Villaronga
GENERE: Drammatico
ANNO: 2000
NAZIONE: Spagna
DURATA (min.): 107
LINGUA ORIGINALE: Catalano - Castigliano
SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura)

FLASH: Guerra Civile spagnola: Ramallo, Manuel e Francisca, ancora bambini, sono testimoni di orribili esecuzioni. Dieci anni più tardi, si incontrano di nuovo nel sanatorio dove ci sono Ramallo e Manuel, entrambi tubercolotici, curati da Francisca, che è diventata suora. Qui, Ramallo vuole a tutti i costi corrompere la castità di Manuel ...

TRAMA COMPLETA: Allo scoppio della Guerra Civile in Spagna, diversi bambini di Majorca sono testimoni dell'esecuzione di alcuni repubblicani del Fronte Popolare da parte dei franchisti. Poco dopo, il figlio di uno dei giustiziati si vendica uccidendo il figlio di uno dei componenti del plotone di esecuzione....per poi abbandonarsi lui stesso alla morte per disperazione. Tra i bambini che assistono a questa orribile tragedia, ci sono Ramallo, Manuel e Francisca. Dieci anni più tardi, si incontrano di nuovo tutti e tre nel sanatorio dove sono curati Ramallo e Manuel, entrambi tubercolotici. Francisca è diventata suora e si occupa dei malati. Ramallo , che è arrivato da poco, fa divertire i compagni con le sue bravate e fa credere a tutti di essere un autentico play- boy, tacendo il fatto che prima di essere ricoverato si concedeva agli uomini in cambio di denaro. Manuel non ha niente a che vedere con tutto ciò; profondamente credente, addirittura esaltato nel suo misticismo religioso (usa perfino il cilicio per punirsi dei pensieri impuri), si rifugia nella preghiera, anche per vincere il terrore della morte che serpeggia nelle stanze del sanatorio. Ramallo deride la fede dei suoi vecchi compagni e tenta un approccio con Francisca, un tempo innamorata di lui e tutt'ora sensibile al fascino del giovane, ma ligia alla sua missione come suora e come assistente dei malati terminali. Ramallo vuole a tutti i costi corrompere la castità di Manuel, cui è profondamente legato e ne intuisce le frustrazioni e si accorda con Carmen, moglie di un inserviente del sanatorio, insoddisfatta del proprio menage coniugale e particolarmente affezionata a Manuel. La donna accetta il suggerimento e si introduce nella camera di Manuel con il pretesto di portargli un messaggio dell'amico (in realtà una rivista con delle foto osè), riuscendo a demolire le difese del ragazzo e a fargli provare l'ebbrezza del piacere carnale. Manuel esce da questa esperienza sconvolto e spaventato, furente contro l'amico e in preda a un delirio mistico che lo indurrà a compiere degli atti sacrileghi: inchioderà alla parete alcuni indumenti di Ramallo, sottrattigli mentre questi si faceva la doccia usando il suo bagno, simulerà la crocifissione di se stesso contro i vestiti appesi al muro, si praticherà delle ferite alle mani per ottenere le stimmate, incapace ormai di respingere la passione che lo divorava dal primo istante in cui aveva rivisto l'amico d'infanzia, a lungo soffocata... (F.T. tramite cinemagay.it) 

Prima del film proietteremo alcuni video e cortometraggi sottotitolati in italiano ed inediti in italia.

1. Cortometraggio: "Different" [Il diverso] (USA 2004, 10 min.): Vincitore del Grand Jury Prize” e del Rhode Island Film Festival 2004, questo corto ci mostra un mondo al rovescio in cui la norma è l'omosessualità e l'eterosessualità, se non ai fini della esclusiva riproduzione, viene discriminata.

2. Spot TV: "Le coppie possono essere diverse tra loro, ma l'amore no!" [Las parejas pueden ser distintas pero el Amor no!] (Perù 2010, 1 min.): Spot contro la lesbiofobia in cui ci viene spiegato che l'amore è sempre amore, in tutte le sue forme.

El mar:
Trailer:

SOSTIENICI:

Copia e incolla questo codice nel tuo blog o nel tuo sito, avvertici e noi faremo altrettanto.

BANNER PICCOLO:
buzz intercultura


BANNER MEDIO:
buzz intercultura


BANNER GRANDE:
buzz intercultura