LA RASSEGNA DI FILM A TEMATICA GAY-LESBICA E' SOSPESA PER PAUSA INVERNALE. RIPRENDERÀ IN PRIMAVERA I GIOVEDÌ ALL'ACROBAX. RINGRAZIAMO TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO.
Per avere notizie in tempo reale sulla sua ripresa, scrivi una email a buzz.intercultura@autistici.org con oggetto "mailing list"

Maratona di film LGBTQI Messina

La rassegna sottostante non ha avuto luogo per i seguenti motivi cosí spiegati dall'organizzatore su Facebook:

Pensierino sulla mia ex cittá (Messina) e su come avevo dimenticato i codici di quel posto: due anni fa penso di regalare i miei libri in italiano a tematica glbtq all'asociazione GLBTQI locale. Trovo il presidente disponibile; unica mia richiesta: il rimborso di 10,50 euro per le spese postali che avrei sostenuto nella spedizione. Dice che va bene. Non mi arriva nessun rimborso nonostante le mie ripetute richieste: ho dovuto aspettare 10 mesi affinché io, per altre ragioni, andando in quella cittá, mi ritrovassi faccia a faccia con questa persona e che quindi mi desse questi soldi. Poco male, penso, poverino, avrá avuto da fare e non avrá trovato un attimo, IN 10 MESI di fare un rimborso bancario...

Verso luglio di quest'anno propongo, sempre al presidente di questa associazione LGBTQI locale, una maratona di film a tematica gay inediti per metá di ottobre (avevo pure fatto una bozza di pagina, qui  in basso) visto che dovró venire per un tempo limitato in quella cittá: mi sembra giusto che anche il pubblico messinese conosca la realtá lgbtqi mondiale. Il tipo mi assicura che troverá un posto e mi fará sapere i dettagli presto. Passano i mesi e non ho piú notizie ma mi rassicura che mi fará sapere presto. A distanza di due settimane dall'ipotetico inizio, alle mie insistenze dovute al fatto che ho bisogno di sapere la risposta positiva o negativa e gli eventuali dettagli, il tipo semplicemente smette di rispondermi. Si ricorda di rispondermi solo quando, togliendolo dagli amici PER MANCANZA DI CORRETTEZZA, gli recrimino che capisco anche il fatto dei libri! Lui mi dice che "ha avuto le sue ragioni" per la sospensione della rassegna.

Ma degnarsi di comunicarmelo no? Ecco i codici che avevo dimenticato della mia ex cittá ed ecco perché continuo a pensare che ho fatto bene a lasciarla.

Mi dispiace solo che il pubblico messinese si sia privato di questo evento a causa di chi? Non aggiungo oltre perché immagino che ci sarebbero persone che, da sciacalli, sarebbero pronte persino a denunciarmi per quel che sto dicendo. 

-------------------------------------------------------- 
BOZZA PREPARATA A SUO TEMPO DELLA RASSEGNA MAI PROIETTATA:

NOME DELLA RASSEGNA DA TROVARE:
MARATONA DI FILM INEDITI A TEMATICA GAY-LESBICA DAL MONDO SOTTOTITOLATI IN ITALIANO
Domenica 13 ottobre 2013 dalle 14.00 [E' TROPPO PRESTO?] alle 24.00 al - POSTO DA DEFINIRE -,
 Via [Strada del posto da definire], [n. del posto] - Messina -[MAPPA DEL POSTO DA DEFINIRE]
INGRESSO A OFFERTA LIBERA
ECCO IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA:
NOME DELLA RASSEGNA DA TROVARE
- Domenica 13 Ottobre 2013 -

Secondo le statistiche dell'ILGA, l'Italia è uno tra i paesi più omofobi d'Europa. Questa omofobia diffusa, oltre a perpetuarsi nella vita quotidiana e nella politica, si diffonde anche sui media che, asserviti a questo status, mostrano una immagine distorta e decadente della popolazione LGBTQI. Per compensare questa mancanza, le proiezioni che abbiamo scelto per questo evento sono tutte mostranti personaggi gay-lesbico-trans positivi, con storie romantiche, felici, anche complicate ma in ogni caso non distruttive; questo ai fini di mostrare una grossa parte dell'immagine LGBTQI che qui viene censurata. Il materiale è tutto totalmente inedito in Italia; ecco il programma:

Dalle ore 14,00: Proiezione di spot e cortometraggi:


1. Cortometraggio: "Copacabana Building" (Brasile 2008, 5 min.): In un moderno grattacelo composto da tanti monolocali, un mesto impiegato trova una vicina di casa molto particolare...

 
2. Cortometraggio: "Amour Tojours" (Francia 1995, 5 min.): Come ogni mattina, il signor Duront va al lavoro... un giorno qualunque. Però a volte la routine si rompe e ti sorprende. Corto girato con la tecnica del film muto.
3. Spot TV: "Gay Adoption advertising" [Pubblicità sull'adozione da parte di gay] (Regno Unito 2006, 40 sec.): Pubblicità a favore delle adozioni da parte di coppie omosessuali trasmessa in TV nel Regno Unito nel 2006. 

4. Cortometraggio: "One on one" (USA 2010, 9 min.): Una coppia di giocatori di pallacanestro ha una storia d'amore nascosta perchè uno dei due non si accetta come gay, ma qualcosa cambia quando l'altro gli chiede di unirsi come coppia in una lezione di valzer... Il cortometraggio è stato finanziato dall'Università del Texas ed é stato selezionato o ha vinto in moltissimi festival.
5. Spot TV: "Spot contro l'omofobia della provincia di Salta (Argentina)" [Spot contra homofobia de la provincia de Salta]: (Argentina 2010, 1 min.): Questo spot fa parte di una campagna molto piú vasta che compende anche la transfobia e che va in onda in TV nella provincia di Salta (Argentina settentrionale al confine con la Bolivia e il Cile); é come se in Italia la provincia di Caltanissetta finanziasse spot analoghi.

6. Cortometraggio: "Crafty" (USA 2008, 8 min.): Una ragazza, attivista per i diritti delle lesbiche fa un porta a porta per una raccolta di firme per l'approvazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso. Le risponde una giovane donna...
  
7. Cortometraggio: "Yo te amo" [Io ti amo] (Spagna 2011, 3 min.): Dolcissimo e romanticissimo video diffuso dalla FELGT (la principale associazione gay spagnola) su una coppia che dichiara il suo amore. I due protagonisti non sono attori professionali, ma una vera coppia, e ciò lo rende ulteriormente più tenero.

- Spot Tv: "Publicidad del Cinzano Fernet" (Argentina 2004, 4 min.): Divertente pubblicità argentina (impensabile in Italia) della Cinzano che tocca il tema omosessualità.
- Cortometraggio: "Dragzilla" (USA, 2003, 17 min.):Una gigantesca drag queen terrorizza New York... Premio miglior film al "Arlene Grocery Film fest 2003.
- Cartone animato: "Andalus y la familia" (Spagna 2009, 2 min.): Cartone animato che ha come fine l'educazione alla tolleranza e contro l'omofobia che va in onda nei programmi per bambini e viene proiettato nelle scuole
- Cortometraggio: "Vestido nuevo" (Spagna 2007, 14 min): Un bambino della scuola elementare sceglie di vestirsi in modo diverso. Patrocinato dal Ministero della Cultura spagnolo.
- Cortometraggio: Le cattive compagnie [En malas compañias] (Spagna 2000, 17 min.):Vincitore di 24 premi in Spagna e all'estero: Guillermo é un adolescente ed a questa etá, nella quale appaiono i primi desideri sessuali, ha scoperto un modo di saziare i suoi ormoni: rimorchiare in un centro commerciale...
Ore 15,00: Film: "Prayer for Bobby"  GENERE: Drammatico - ANNO: 2009 - NAZIONE: USA - DURATA (min.): 90 - LINGUA ORIGINALE: Inglese - SOTTOTITOLI: ITALIANO (a cura di Buzz Intercultura
Tratto da una storia vera. Mary (Sigourney Weaver) è una devota cristiana che alleva i figli secondo gli insegnamenti della Chiesa Presbiterana. Quando il figlio Bobby (Ryan Kelley) confida al fratello maggiore di essere gay, e il segreto arriva alle orecchie della madre, l'intera famiglia entra in subbuglio. Mentre i fratelli e il padre di Bobby in breve tempo si adattano alla cosa, Mary crede invece che dio possa guarirlo da quello che lei considera un grave peccato, e convince Bobby a pregare con insistenza e a cercare conforto nelle attività della chiesa, sicura che potranno cambiarlo. Bobby, disperato per la mancata approvazione materna, fa tutto quello che la madre gli chiede, ma l'aperta condanna dell'omosessualità da parte della chiesa e dei fedeli fanno crescere in lui una profonda depressione e un senso di isolamento ai quali si aggiunge un senso di colpa per il dolore che arreca alla madre. La sua angoscia, in piena depressione, lo porta al punto da avere ribrezzo di se stesso, dandosi tutta la colpa per non essere il figlio "perfetto", e conducendolo al suicidio. Davanti a questa tragedia Mary inizia a porsi domande sulla fede, interrogando il pastore sul perché di questa tremenda perdita, senza ricevere risposte convincenti. Inizia così un lungo percorso che la porterà fin dentro la comunità gay, dove troverà un inaspettato aiuto. (cinemagay.it)
Dalle ore 16.30: Proiezione di spot e cortometraggi:
- Cortometraggio: "The ten rules" (USA 2002, 28'18''): Un semi-documentario scritto e prodotto dalla protagonista principale Michelle Paradise. A una festa lesbica, Jen che è single da poco, ha delle fantasie su Heather mentre ci presenta le "10 regole per essere una perfetta lesbica".

- Spot TV: "Somos diversos" (Perú 2008, 4 min.): Pubblicità andata in onda a tappeto sulle televisioni pubbliche peruviane contro la discriminazione di lesbiche, trans, gay e lavoratrici del sesso.
- Spot TV: "Spot contra Homofobia Ministerio de Salud y Deportes Bolivia" (Bolivia 2008, 43 sec.): Spot contro l'omofobia, la lesbofobia e la transfobia a cura del Ministero della Sanitá boliviano.
Spot TV: "A família é amor" (Portogallo 2010, 1 min.): Pubblicità dell'ILGA, associazione gay portoghese, sull'accettazione dell'omosessualità in famiglia andata in onda a tappeto su tutte le televisioni nazionali nel 2010.
Ore 17,00: Film: "All you need is love" regista: Edzard Onneken - GENERE: Commedia - ANNO: 2010 - NAZIONE: Germania - DURATA (min.): 95 - LINGUA ORIGINALE: Tedesco -  SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura)
Hans, studente di architettura a Berlino, convive con il suo compagno Nicky e decidono insieme che è giunto il momento di unirsi civilmente, quindi scrive una lettera alla madre, Catherina, dicendo che vuole sposarsi e che lo vuole fare nel posto in cui è nato e in cui vive la madre, un villaggio Alpino in Bavaria. Visto che Catherine non ha mai visto Nicky, ritiene che sia un nome di donna e quindi cade dalle nuvole una volta che il figlio gli presenta la vera identità del suo futuro marito... Una commedia romantica, leggera e piacevole; un esempio di come si possa parlare in modo umoristico dell'argomento omosessualità senza scadere nella presa in giro.
- Ore 18,30: Proiezione dei seguenti cortometraggi:

1. Cartone animato: "A descoberta de Luke" [La scoperta di Luke] (Brasile 2006 - 2 min.): Luke é un ragazzo che, appena compiuti i 18 anni, decide di andare ad una sauna gay. Li scopre che l'ambiente gay non é come se lo immaginava, peró non tutto é perduto...
2. Telefilm: "Cariocas" (Brasile 2008, 3 min.): Selezione dalla telenovela brasiliana "Cariocas", in cui c'è anche una coppia gay, con scene impensabili in qualunque telefilm italiano. Qui li vediamo nel momento iniziale: uno dei due deve accettarsi come gay ed è ancora fidanzato con una ragazza.
3. Cortometraggio: "A new flavor [Un nuovo gusto]" (USA 2010, 9 min.): Dopo una serie di delusioni in amore, una giovane donna decide di dimenticare gli uomini e l'amore, finché la sua migliore amica gli suggerisce una interessante alternativa: provare "un nuovo gusto" ...
4. Spot TV: Un bacio é un bacio [Un beso es un beso] (Uruguay 2008 - 20 sec.): Pubblicitá contro la discriminazione trasmessa in TV in Uruguay patrocinata dal comune di Montevideo.

5. Cortometraggio: "Crush" (USA 2000, 27 min.): É una storia dolcissima e delicatissima di amicizia tra un ragazzo e una ragazza adolescenti; la ragazza scopre l'omosessualitá del suo migliore amico e, invece di condannarlo o allontanarsi, l'aiuta ad incontrare un ragazzo ... Lei é l'amica che tutti avremmo voluto avere nell'adolescenza.

1. Cortometraggio: "A cuestas, con mis padres" (Spagna 2008, 3 min.): commedia girata in tono surreale; da quando Pedro ha confessato ai suoi genitori di essere gay, non riesce a levarseli dalla testa...
Diretto da Vicente Bonet con Isabel Gadea e Marcos García, la colonna sonora é di Roberto Pérez, che tra l'altro interpreta il personaggio di Alberto nella famosa serie spagnola a tematica gay "Lo que surja" [Quel che viene]. Il resto della troupe é formata da Héctor Alabadí (produzione e montaggio), Lucía Forner (direttrice della forografia), José Caín Giménez (Cineoperatore) y María Ferrer (Colonna sonora), tutti studenti del 5º anno di comunicazione audiovisiva.
Dopo essere stato per quattro settimane al primo posto della lista dei video del festival piú visti su internet, é stato premiato con il premio conferito al "Rey del Box Office", per essere stato il cortometraggio che per piú tempo é rimasto nella lista.
Le basi principali del corto sono, da un lato la sua ironia ed originalitá, e per l'altro l'eccellente interpetazione dei suoi protagonisti Marcos García e Isabel Gadea.

2. Cortometraggio: "Superfag" (USA, 2002, 25 min.): Tratto dalla raccolta "Superqueer", é la storia del supereroe "Superfag" (Superfrocio) e "Disco Diva" la sua super drag-queen madre, che lottano contro il professore "Testa-di-minchia" che vorrebbe distruggere il desiderio omosessuale, e il ragazzo del nostro eroe é in pericolo... "Audience Arward" al Gay and Lesbian Festival di Palm Spings 2002.

3. Spot tv: "La multa" (Italia 2009, 30 sec.): Un poliziotto si avvicina a un automobilista consegnandogli un foglio di carta che sembra una multa ... La cosa curiosa é che questa pubblicitá è italiana, ma non é mai stata ne tramessa ne diffusa in Italia e noi abbiamo avuto il filmato dalla Spagna.

4. Cortometraggio: "Llove3.com" (Messico 2008, 3 min.): Una storia di amore virtuale. Juan e Ana, dopo essersi sentiti per lungo tempo via chat, decidono di organizzare un incontro, volendosi dare un'opportunitá lasciandosi dietro il computer. Arriva questo giorno, e per riconoscersi, Juan avrá in mano una margherita. Arrivano insieme nel posto accordato, e Ana si sorprende quando vede che Juan in realtá é Juana... Patrocinato dall'Universitá di Monterrey (Messico).

5. Spot TV: "El mismo amor, los mismos derechos" (Argentina 2010, 50 sec.): Pubblicitá sovvenzionata dal "Istituto Nazionale Contro La Xenofobia, La Discriminazione e Il Razzismo" per favorire l'accettazione sociale delle coppie gay, che in Argentina, grazie alla via giudiziaria della costituzionalitá e il successivo voto favorevole del Parlamento, dall'inizio dell'anno possono unirsi in matrimonio.

6. Cortometraggio: "Una robe d'été" (Francia 1996, 15 min.): Sesso e amore, anzi pansessualità e amori vissuti gioiosamente. L'impianto, l'ambientazione e il racconto dei protagonisti sembrano un film di Eric Romher ma la rarefazione esterrefatta e platonica del Maestro qui vira in una abbacinante carnalità: l'estate al mare di un adolescente che scopre l'erotismo tra le braccia di una ragazza grandicella per lui e con un suo coetaneo, compagno di vacanza. Le note di Bang Bang (versione francese di Sheila), la canzone gaya e melò che, nel siparietto iniziale, ballato e inquadrato in campo medio a evidenziarne la distanza quasi teatrale, traina la vicenda verso una progressiva esposizione dei corpi e dei coiti, sempre più disinibiti e leggeri, vissuti con grazia e riconoscenza. Un primo assaggio delle magnifiche ossessioni di François Ozon che sfoceranno coi lunghi (Amanti Criminali, Sotto la Sabbia, Swimming Pool) nella rilettura del melò, tra ragione e sentimento, eros e potere, sull'asse drammaturgico già tracciato dal trio, Sirk-Fassbinder-Almodóvar (Torino GLBT film festival). In questo corto, tutti gli stereotipi vengono rotti: il luogo comune vuole che si possa avere una storia fissa eterosessuale e solo avventure a livello omosessuale, e qui avviene il contrario; altro luogo comune vorrebbe la coppia stereotipata nei ruoli sessuali secondo l'apparenza, e anche per questo qui avviene il contrario.

7. Spot TV: "Spot contra transfobia": (Argentina 2010, 1 min.): Questo spot contro la transfobia fa parte di una campagna molto piú vasta che compende anche l'omofobia e che va in onda in TV nella provincia di Salta (Argentina settentrionale al confine con la Bolivia e il Cile). È come se in Italia la provincia di Caltanissetta facesse trasmettere degli spot analoghi.
-----------------------------------------------------------------------------
- Ore 19: Film "Sommersturm"
regista: Marco Kreuzpaintner
GENERE: Romantico
ANNO: 2004
NAZIONE: Germania
DURATA (min.): 98
LINGUA: Tedesco
SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura)


Finalmente una storia di coming out bella, romantica, dolce, ironica e a lieto fine. Tobi e Achim sono amici da sempre, canoisti, rematori nella stessa squadra, inseparabili. Arriva l’estate e insieme ai loro compagni partono per un campeggio, l’obiettivo: vincere la gara nazionale di canottaggio per giovani atleti.
Achim, il bel morettino diciottenne, scopre di essere follemente innamorato della seducente Lara. E lo confida a Tobi. Energico e tenero, Tobi, è frastornato dalla notizia. E poco alla volta scopre di essere a sua volta follemente innamorato: di Achim. Ma cosa può fare un giovane canoista etero che si scopre innamorato del suo compagno di squadra?
Tra le dieci squadre in competizione, oltre a quella di un gruppo di simpatiche cielline integraliste, arriva al campeggio estivo anche una squadra di ragazzi gay. Fanno parte del Queer team e arrivano dalla super-liberal Berlino.
Mentre il dramma di Tobi sembra prendere il sopravvento, il cast eccezionalmente sexy, di una bellezza innocente e pura, aiuta a mantenere l’occhio vigile e attento. Finché una sera, poco prima del tramonto, un improvviso e violento temporale estivo scatena la fine del mondo.
Ma cosa c’è di più romantico di una foresta illuminata a tratti dai lampi e di un cielo scuro squarciato da potenti e fragorosi tuoni? Il coming out che tutti avremmo sognato di fare. Con un finale inaspettato, Summerstorm è diretto con stile dal brillante esordiente Marco Kreuzpaintner. Sincero e commovente. (cinemagaylesbico.com).


- Ore 20,30: Proiezione dei seguenti cortometraggi:

1. Spot TV: "Igual A Você" (Brasile 2009, 2 min.): Massiccia campagna pubblicitaria TV contro la discriminazione e il razzismo lanciata in Brasile a favore di gay, lesbiche, transessuali, professioniste del sesso, persone con HIV, popolazione di colore, tossicodipendenti. Una lezione dal Brasile su come la televisione possa essere usata come mezzo di divulgazione di cultura all'accettazione del diverso. Abbiamo scelto lo spot contro la discriminazione delle lesbiche.

2. Cortometraggio: "Cuentaselo todo" (Spagna 2006, 30 sec.): Moises Romera e Marisa Crespo riescono a condensare una storia con una struttura classica in 30 secondi (il corto ha ricevuto piú di 20 crediti).
3. Cortometraggio: "I accept me!" (Pakistan 2011, 3 min.): E' l'ora del te e un ragazzo va in una tipica casa da te pakistana. Li si incrociano gli sguardi con un altro ragazzo, ma si avrà il coraggio di andare oltre lo sguardo?
4. Cortometraggio: "Si nos dejan" (Messico 2008, 4 min.): Puó succedere di tutto ai tavoli di un bar che si chiama "il bacio"... Il titolo del cortometraggio e la colonna sonora sono ispirati ad una canzone d'amore classica latinoamericana ed è patrocinato dall’Universitá di Cittá del Messico.
5. Spot TV: "El padre" (Messico 2007, 30 sec.): Campagna contro l'omofobia trasmessa in Messico in tv con copertura nazionale.

6. Cortometraggio: "Cosa bella" (USA 2006, 15 min.): Scopamiche? Amiche intime? ¿Cosa definisce una relazione universitaria che si é trasformata in una passione nella vita reale? Delphine, una ragazza francese, sexy, sposata e capricciosa, é innamorata di Belle, la sua migliore amica dell'universitá, una bella desiner di successo di Nueva York. Belle pone fine alla sua relazione clandestina durata anni, pero trova una gran resistenza in Delphine, che é abituata ad “avere tutto”. E cosí le due amanti si incontrano per l'ultima volta. Quando il marido di Delphine si accorge che c'é qualcun altro ha rubato il cuore alla sua giovane sposa, finalmente, arriva l'ora che Delphine deve prendere una decisione adulta.
7. Cortometraggio: "Rock Bottom" (USA 2002, 22 min.): Droga, prostituzione e sentimenti teneri e romantici si intrecciano in questa storia. Un giovane tossicodipendente prosituto si imbatte in uno scrittore solitario...
8. Spot TV: "¡Tu, eres el diferente!" (Spagna 2010, 30 sec.): Pubblicitá contro l'omofobia (impensabile in Italia) trasmessa in Spagna in occasione del 17 maggio, giorno mondiale contro l'omofobia.

1. Cortometraggio: "Pestañas asesinas" (Spagna 2008, 7 min.): E' un corto in formato falso trailer. Uno strano microorganismo marziano ha invaso tutti i cosmetici del mondo: Tre drag queen lottano per salvare il pianeta terra da una orda di zombi truccati, divini, vittime del glamour.

2. Cortometraggio: "Un Beau Jour, un Coiffeur" (11 minuti, Francia 2004): Uno studente e dottorando di filosofia ha una vita molto ordinata, con la ragazza e tutto il resto. Ma tutto cambierá il giorno che entra in un negozio di parrucchiere e sente un colpo di fulmine inaspettato per un barbiere ...
3. Telegiornale: "La presidentessa dell'Argentina Cristina Fernández de Kirchner riguardo il matrimonio gay" [Cristina Fernández de Kirchner sobre el matrimonio igualitario] (Argentina 2010, 3 min.): Nel 2010 in Argentina è stato approvato il matrimonio tra persone dello stesso sesso; ciò ha provocato le reazioni allarmanti, scandalizzate e bigotte della chiesa argentina. In questo telegiornale vedrete come la massima autorità di quel paese risponde a queste reazioni.

4. Cortometraggio: "Desconocida" (Spagna 2007 - Regia: Iris Segundo Garcia - 4'09''): Un incontro casuale tra due donne, porta a uno sconvolgimento dei sensi; ci sarà un seguito?
5. Pubblicità: "Il tuo specchio" [Tu espejo] (Spagna 2007 - 1 min.): Pubblicitá Tv diretta agli adolescenti gay per aiutarli nella accettazione della loro omosessualitá. Pubblicità che sarebbe importantissima anche in Italia, quanti suicidi di adolescenti si eviterebbero... 

6. Cortometraggio: "Trevor" (Regia: Peggy Rajski, USA 1994, 18 min.): Trevor [Brett Barsky] cerca di chiamare l'attenzione dei suoi genitori fingendo svenimenti e sucidi, ma nonostante ció, é totalmente ignorato da loro e da tutti. Sente che non é come gli altri: i suoi gusti musicali per Diana Ross, per il teatro e per il suo migliore amico Pinky Faraday [Jonah Rooney], non sono capiti da nessuno. Dopo i conseguenti dubbi esistenziali, decide di farla finita. Ma sará un modo di ricominciare tutto d'accapo. Il lavoro ha ricevuto moltissimi premi, tra cui l'Oscar per il miglior cortometraggio.
7. Trasmissione TV: "Jorge Lanata parla dell'arcivescovo della Plata" (Argentina 2011, 3 min.): Jorge Lanata è il conduttore più famoso nelle TV argentine e, alle affermazioni omofobe dell'arcivescovo della Plata (la chiesa cattolica non si smentisce mai nel suo razzismo e omofobia anche li) risponde in un modo così chiaro e diretto da farci capire che cosa significa fare vero giornalismo.
-----------------------------------------------------------------------------
- Ore 21: Film "Contracorriente"

regista: Javier Fuentes-León
GENERE: Drammatico
ANNO: 2009
NAZIONE: Perù / Colombia
DURATA (min.): 100
LINGUA ORIGINALE: Spagnolo
SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura)

Questo primo lungometraggio del regista Javier Fuentes-León è una insolita storia di fantasmi ambientata sulle spiagge peruviane, con alcune similitudini alla vicenda di Brokeback Mountain. E' la storia di Miguel, un pescatore che nasconde la sua omosessualità dietro il paravento di un matrimonio felice con una moglie che lo ama e che sta aspettando un figlio. Segretamente Miguel porta avanti una intensa storia d'amore con Santiago, un artista bohémien, che non pubblicizza la sua omosessualità ma nemmeno la vuole nascondere del tutto. La storia, ambientata in un piccolo villaggio di pescatori, prende una piega fantastica dopo la morte per annegamento di Santiago quando questi ritorna come fantasma per chiedere a Miguel di cercare il suo corpo e di seppellirlo secondo le tradizioni locali in modo che la sua anima possa riposare in pace. Miguel si trova ora davanti ad un dilemma: dovrà ammettere pubblicamente di avere avuto una storia d'amore con Santiago, rovinando così il suo matrimonio e la sua vita, ma esaudendo le richieste del suo amato, oppure deve continuare la sua vita come se nulla fosse successo portandosi dentro il peso e la responsabilità della dannazione eterna del suo amante rimasto insepolto. Deve essere molto difficile continuare a vivere con un tale peso sulla coscienza, tentando di dimenticare la persona che avete tanto amato, solo per salvarvi la faccia. (fonte: cinemagay.it)


Trailer:



- Ore 22,30: Proiezione dei seguenti cortometraggi:

1. Cartone animato: "Is a choice?" (Usa 2007, 4 min.): Divertente cartone animato statunitense usato per l'educazione nelle scuole che spiega che, secondo le fonti piú autorevoli e piú avanzate, l'omosessualitá non si sceglie, ne si acquisisce, ne é una malattia. E semplicemente una caratteristica naturale e innata nella persona. Diffondete questo video il piú possibile per sconfiggere l'omofobia. Dal film "For the bible tells me so" (Perchè me lo dice la bibbia).

2. Spot TV: "Come te" [Igual A Você] (Brasile 2009, 2 min.): Massiccia campagna pubblicitaria TV contro la discriminazione e il razzismo lanciata in Brasile a favore di gay, lesbiche, transessuali, professioniste del sesso, persone con HIV, popolazione di colore, tossicodipendenti.

3.Spot Tv: "Odiare ti fa marcire" [Odiar te pudre] (Portorico 2011, 1 min.): Pubblicità contro l'omofobia che va in onda nelle TV portoricane in cui si pone l'accento sul danno che crea l'odio generato dall'omofobia.

4. Spot TV: "No me etiquetes" [Non mi etichettare] (El Salvador 2011, 30 sec.): Pubblicità contro l'omofobia finanziata dal governo dello stato de El Salvador che va in onda a tappeto nelle televisioni di quel paese. Tutte le nazioni europee e americane (tranne poche eccezioni, tra le quali purtroppo troviamo l'Italia) effettuano con regolarità spot contro l'omofobia per combattere la violenza e favorire l'integrazione, anche nazioni che l'italiano medio considera "arretrate".

5. Cortometraggio: "Vamonos" (Spagna 2002 - 9 min.): Una storia d'amore tra due donne di diversa classe sociale...

6. Cortometraggio: "Love trip" (USA 2009, 8 min.): Delicatissimo cortometraggio che parla dell'amore di un bambino di 7 anni per un suo coetaneo.
7. Spot TV: "Love is for all" [L'amore è per tutti] (USA 2000, 1 min.): Pubblicità di una nota marca di indumenti intimi impensabile in Italia.

8. Cortometraggio: "Chungo y Pelao" [Il brutto e il pelato] (Spagna 2010, 10 min.): Capitolo pilota di una serie ispirata all'omonimo manga gay erotico famoso in Spagna, é la storia di due bulletti di periferia che ogni tanto si lasciano andare ...
9. Spot TV: "Campagna di prevenzione dell'HIV 2009" [Campaña de prevención VIH SIDA 2009] (Cile 2009): Pubblicità andata a tappeto per tutto il 2009 a cura del Ministero della Sanità cileno per la prevenzione dell'AIDS. Siamo distanti anni luce dall'Italia, dove la pubblicità per la prevenzione è stata sempre debole e non è stata mai usata la parola "preservativo" perchè 'dà fastidio' alla chiesa cattolica, vero padrone di questo paese, creando così una criminale mancanza di informazione che porta al contagio annuale di migliaia di giovani.

 - Cortometraggio: "I want your love" [Voglio il tuo amore] (USA 2010, 13 min.):Cosa succede quando due amici cedono ai loro desideri? "I want your love", nuovo cortometraggio del regista indie Travis Matthews, illustra le sensazioni che si possono avere nello scopare un buon amico dopo qualche bicchiere di vino bevuto insieme. Il film è girato molto teneramente, e combina elementi narrativi con scene di sesso esplicito sfumando i confini tra un "film" e un "film porno".


-----------------------------------------------------------------------------

- Ore 23,00: Film "Revolution is my boyfriend":

regista: Bruce LaBruce
GENERE: Commedia erotica
ANNO: 2006
NAZIONE: Germania
DURATA (min.): 90
LINGUA ORIGINALE: Tedesco - Inglese
SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura)

“Come coniugare la lotta comunista con la liberazione omo-sessuale? Unendo i simboli degli anni di piombo tedeschi e le teorie del sessuologo Wilhelm Reich in una storia di proclami politici, rapimenti di ricchi rampolli e sesso sfrenato, dove il privato diventa davvero politico e la rivoluzione viaggia dalle strade a sotto le lenzuola e viceversa, anche negli ascensori.
Ambientato a Berlino, il film parla di un gruppo di terroristi che preparano la rivoluzione gay sotto la guida della leader (eterosessuale) la bionda Gudrun, che in nome della causa spingera’ anche il suo fidanzato tra le braccia dei compagni di lotta. Il regista di classici come Skin Flick e Hustler White ci offre un film estremo ed eccitante, divertente e militante, con una colonna sonora che vi fara’ ballare sulle poltrone. E dichiara: "Ho voluto realizzare un saggio godardiano in cui la sessualita’ torna ad essere, come negli anni Settanta, l’unica vera forma di lotta e di emancipazione." (Sundance e Berlinale 2004)
Il film contiene molte scene di sesso esplicito.

Revolution is my boyfriend:

Trailer (essendo una pellicola con moltissime scene di sesso esplicito, non possiamo mostrarvi il trailer, ma solo una parte del film):

SOSTIENICI:

Copia e incolla questo codice nel tuo blog o nel tuo sito, avvertici e noi faremo altrettanto.

BANNER PICCOLO:
buzz intercultura


BANNER MEDIO:
buzz intercultura


BANNER GRANDE:
buzz intercultura