LA RASSEGNA DI FILM A TEMATICA GAY-LESBICA E' SOSPESA PER PAUSA INVERNALE. RIPRENDERÀ IN PRIMAVERA I GIOVEDÌ ALL'ACROBAX. RINGRAZIAMO TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO.
Per avere notizie in tempo reale sulla sua ripresa, scrivi una email a buzz.intercultura@autistici.org con oggetto "mailing list"

Les amours imaginaires

regista: Xavier Dolan
GENERE: Drammatico
ANNO: 2010
NAZIONE: Canada
DURATA (min.): 95
LINGUA ORIGINALE: Francese
SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura)

FLASH:
Francis e Marie sono due amici che s'innamorano dello stesso uomo, Nicolas, un giovane che si è appena installato a Montreal. Un vero colpo di fulmine per entrambi, e s'ingegnano, ciascuno per conto proprio, come in un malefico duello, di attirare le attenzioni di Nicolas. Di volta in volta, la tensione tra i personaggi cresce sempre più …

TRAMA COMPLETA: Secondo lungometraggio autofinanziato del giovanissimo canadese Xavier Dolan, 21 anni compiuti il 20 marzo, che lo scorso anno anno aveva presentato a Cannes la sua originale opera prima "J’ai tué ma mère", film sul passaggio dall'adolescenza all'età adulta. Con questo film, Dolan ha detto di essere passato "ad un cinema più adulto, che tratta di come reagiamo davanti al rifiuto, alla solitudine, al dolore." Francis (Dolan) e Marie (Chokri) sono due amici che s'innamorano dello stesso uomo, Nicolas (Schneider), un giovane che proviene dalla campagna e che si è appena installato a Montreal. Un vero colpo di fulmine per entrambi che s'ingegnano, ciascuno per conto proprio, come in un malefico duello, di attirare le attenzioni di Nicolas. Di volta in volta, la tensione tra i personaggi cresce sempre più e presto ognuno di loro interpreta in modo ossessivo i comportamenti ambigui e distruttivi dell'oggetto del loro desiderio. "Una intensa disamina delle diverse tappe della caccia amorosa, dalla seduzione all'ambiguità, dall'ambiguità alla spiegazione, dalla spiegazione al rifiuto, dal rifiuto al dolore, dal dolore alla guarigione" così il regista commenta il suo film, aggiungendo che nel film c'è anche una vena comica, "che non è una comicità dell'assurdo o del burlesco come nel mio precedente film. E' un altro umorismo, più verbale. Qui presento un altro stile, un altro tono, veramente un'altra cosa" (Cinemagay.it).

Prima del film proietteremo alcuni video e cortometraggi sottotitolati in italiano ed inediti in italia.

Cortometraggio: "Pracht" (Germania 2006, 4 min.): Due ragazzi si scambiano gli sguardi nella metropolitana di Berlino, e questo basta per scatenare delle fantasie erotiche; ma a volte il confine tra fantasia e realtà è molto tenue...

Spot TV: "A Bogotà si può essere:" [En Bogotá se puede ser:] (Colombia 2011, 45 sec.): Pubblicità TV contro la discriminazione di gay, lesbiche, bisessuali e transgender organizzata e finanziata dal comune della capitale colombiana che fa parte di una campagna più vasta comprendente anche l'affissione di manifesti.
Siamo avanti anni luce dalla capitale italiana dove il sindaco fascista Alemanno non si sognerebbe mai di finanziare una campagna così ben architettata, andando invece dietro a sottane vaticane e cosiddette "marce per la vita" medievali.

Les amours imaginaires:

Trailer:


Manifesti della campagna "A Bogotà si può essere:"
- Gay:
- Lesbica:
- Bisessuale:
- Transgender:

Pracht:

SOSTIENICI:

Copia e incolla questo codice nel tuo blog o nel tuo sito, avvertici e noi faremo altrettanto.

BANNER PICCOLO:
buzz intercultura


BANNER MEDIO:
buzz intercultura


BANNER GRANDE:
buzz intercultura