CINEFORUM S. PAOLO GAY ESTATE: PROIEZIONE ALL'APERTO DI FILM INEDITI A TEMATICA GAY-LESBICA SOTTOTITOLATI IN ITALIANO
Dal 16 maggio tutti i giovedí alle 21 all'ACROBAX (ex Cinodromo), via della Vasca Navale, 6 - ROMA (metro S. Paolo) [COME ARRIVARE].
Bar sul posto dalle 20, ampio parcheggio
INGRESSO A OFFERTA LIBERA
(In caso di pioggia le proiezioni si faranno perché il luogo è provvisto di una vasta tettoia)

Speech & Debate

regista: Dan Harris
GENERE: Commedia
ANNO: 2017
NAZIONE: USA
DURATA (min.): 1h 05min.
LINGUA ORIGINALE: Inglese
SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura)

FLASH: Tre ragazzi fanno rinascere un vecchio club scolastico e lo fanno per lottare contro la loro scuola bigotta. Per Howie è per il rifiuto del consiglio scolastico di far nascere un'associazione gay dentro la scuola, per Dour è per il giornale scolastico pesantemente censurato e per l'aspirante attrice Diwata è per la decisione della scuola di censurare parti di una recita teatrale studentesca.

TRAMA COMPLETA: Adattato dalla commedia Off-Broadway di Stephen Karam del 2007, il film "Speech & Debate" di Dan Harris riunisce tre adolescenti emarginati dalla scuola che fanno rinascere un vecchio club che prendeva questo nome per combattere i costumi repressivi della loro scuola di un paesino dell'Oregon. Ognuno ha le proprie ragioni per ribellarsi. Per il tranquillo Howie (Austin P. McKenzie), è il rifiuto del consiglio scolastico di far nascere un'associazione gay dentro la scuola, come era abituato quando stava in una grande città. Per Dour Solomon (Liam James), è per il giornale scolastico pesantemente censurato da questo consiglio di scuola. E per l'aspirante attrice Diwata (Sarah Steele), è la decisione della scuola di censurare parti di una recita teatrale studentesca per far piacere ai conservatori del paese...
Trailer:

Alcune scene del film:

SOSTIENICI:

Copia e incolla questo codice nel tuo blog o nel tuo sito, avvertici e noi faremo altrettanto.

BANNER PICCOLO:
buzz intercultura


BANNER MEDIO:
buzz intercultura


BANNER GRANDE:
buzz intercultura